Gnosis Architettura

architettura
Spazi Pubblici Musei

Il progetto della nuova sede “Amici d’Italia” è caratterizzato dal recupero di un manufatto esistente, parte di un precedente progetto non ultimato. Alla Gnosis architettura è stato chiesto di non abbattere quanto realizzato e di implementare l’edificio aggiungendo una grande sala per mostre ed eventi, con un parcheggio interrato. Dal punto di vista dell’immagine e del design la presidentessa Rosalia Gallo ha chiesto che il progetto fosse caratterizzato da una spiccata “italianità”.

Un tema complesso quindi che è stato affrontato riferendosi ai principi dell’italianità dell’architettura enunciati dal prof. Renato De Fusco:

"i quattro principi che interpretiamo come i più caratterizzanti l’architettura italiana sono:

  1.  la contestualizzazione delle fabbriche
  2.  la consistenza “piccola” delle nostre opere
  3.  la valenza classica delle costruzioni
  4.  la spazialità quale caratteristica dello spazio interno (Alberti e Palladio quali precursori della verifica della qualità dello spazio interno quale fondante lo spazio complessivo) "

Renato De Fusco – Architettura Italo-Europea – Franco Angeli editore Milano 2005

 In questa direzione è stato realizzato il progetto:

1)   Si è legato il lotto esistente al territorio circostante individuandone un'assialità e affidando ai suoi due estremi il ruolo di “cerniera” con la viabilità circostante. In questo modo l’edificio è divenuto il fulcro di assi diversi e di relazioni con il sistema viario del quartiere in cui è inserito.

2)   L’edificio è di per se una piccola fabbrica nella quale il controllo del disegno complessivo diventa uno dei temi fondanti il progetto.

3)   Si è voluto conferire un’impronta di classicità al progetto introducendo la sala a pianta circolare nel disegno planimetrico, affidando all’ingresso il ruolo di asse si simmetria dell’intero complesso. Il sottile colonnato è una palese citazione dei portici che caratterizzano molte delle architetture italiane, ed assume il ruolo di elemento unificante i diversi volumi. Nello sviluppo del tema classico, i rapporti pieni-vuoti dei prospetti sono caratterizzati dall’uso della “sezione aurea” quale strumento di disegno proporzionato delle parti rispetto al tutto.

4)      Il  rapporto interno-esterno della fabbrica è esaltato dal sistema complessivo degli elementi e dal gioco delle bucature che, nella sala circolare, cambiano giacitura per diventare tagli di luce della copertura.

In definitiva questo piccolo edificio è il frutto di una volontà tesa a pensare un oggetto col quale raccontare la storia del design e dell’architettura italiana, evitando di cadere in banali citazioni passatiste; esso esprime il tentativo di ricucire un discorso oggi interrotto sull’architettura unitaria (italo-brasiliano) in una terra nella quale notevole contributo è stato portato dagli italiani emigrati in passato.

Anno: 2014
Località: San Josè do Rio Preto (Brasile)
Descizione: Realizzazione del centro culturale italo-brasiliano Amici d'Italia

PROGETTO ARCHITETTONICO
Gnosis Architettura

DATI TECNICI
Superficie del lotto: 1816.31 mq
Area copertura: 745.12 mq

PUBBLICAZIONI
Il Mattino: Architetti, dal Napoli al Brasile - 28 Giugno 2014 - Autore: Alessandro Castagnaro
Insieme: Sarà così la nuova "Amici d'Italia" - Maggio 2014