Gnosis Architettura

architettura
Restauro e Recupero

Il progetto architettonico è stato sviluppato sulle linee guida contenute nel progetto urbanistico presentato dalla Fondazione di Comunità. In questo master plan l’edificio ex ITGC era parte di un sistema di fabbricati che costituiscono un’area destinata alla pubblica funzione. Al centro di quest’area l’asse carrabile, tra l’ex ITGC e il giardino dei monaci, viene pavimentato in pietra e gestito a traffico controllato. Lo stesso giardino viene reso praticabile e assume il ruolo di piccolo polmone verde. Gli altri edifici completano l’offerta di servizi pubblici. Su questi indirizzi è stato anche elaborato dall’amministrazione un progetto preliminare per l’edificio ex ITGC che questo progetto definitivo elabora rispettandone pienamente gli orientamenti. In questo quadro complessivo il progetto di rifunzionalizzazione di parte dell’ex ITGC assume un ruolo centrale. E’ infatti la quinta a monte del lotto assumendo il ruolo di cerniera fra il l’area “pubblica” e il resto della città. Si è per questo pensato di recuperare l’edificio riqualificando anche le facciate realizzando in questo modo due scopi: dare maggiore dignità alle stesse, garantire con l’intervento l’adeguamento energetico dell’edificio e al contempo una durevolezza maggiore di quella che il semplice intonaco garantisce. Sempre in linea con il progetto preliminare è prevista la costruzione, fra il corpo delle aule e la palestra, di un elemento cerniera che disimpegnerà il sia orizzontalmente che verticalmente il complesso chiamato negli schemi grafici che accompagnano tutto il progetto definitivo, “corpo B”. E’ previsto in questo corpo di fabbrica la scala e il monta-lettiga che, al primo livello, prospettano su di un ballatoio a doppia altezza. Questo elemento cerniera è realizzato interamente in legno lamellare con pilastri posti in adiacenza al corpo delle ex aule (copri C e D) e alla palestra (corpo A). I pilastri ruotano verso l’ingresso di circa quindici gradi in modo da seguire l’andamento arcuato della copertura realizzata con una pelle esterna in rame trattato. A sinistra del corpo centrale (copri C e D) viene rifunzionalizzata l’area delle ex aule per alloggiare al piano terra aree di uso collettivo e le cucine mentre, al primo livello, vengono realizzate tutte le camere per gli ospiti. Le camere sono quasi tutte doppie con bagno in comune. Tutti gli ambienti, le camere e i servizi sono progettati per garantire l’accessibilità ai diversamente abili. Il progetto prevede il rivestimento di tutte le facciate esterne con elementi in laterizio di dimensioni 50 x 25 x 1,4 cm atti a garantire la protezione dell’edificio. Il rivestimento sarà del tipo ventilato per la facciata est mentre sarà montato in aderenza per le restanti superfici. La realizzazione della facciata ventilata sarà costituita mediante l’utilizzo di profilati in alluminio che distanziano gli elementi in cotto dalla facciata. Tutto l’edificio è comunque rivestito da materiale isolante atto a garantire l’effetto “cappotto” ed il rispetto della legge sul contenimento delle dispersioni termiche. Per gli infissi del lato ovest del corpo D è prevista la realizzazione di un sistema di frangisole in legno a scorrimento verticale. Tra gli infissi sovrapposti è ipotizzata una fascia rivestita sempre in legno di larice. Questa scelta “alleggerisce” il prospetto slanciando il sistema delle bucature inserendo un elemento di “ordine gigante”.

Anno: 2009
Localita': Moliterno, Potenza 
Descrizione: Progettazione definitiva, esecutiva e direzione lavori per la ristrutturazione e rifunzionalizzazione di parte di un ex edificio scolastico e dell'adiacente palestra da destinare a centro servizi anziani ubicati nel centro urbano di Moliterno 
Committente: Comune di Moliterno
Importo dei lavori: € 1.248.000,00
Categirie: Ib Ig IIIa IIIb IIIc

PROGETTO ARCHITETTONICO
Architetti:
Gnosis Architettura, arch. Serafino Melillo

INGEGNERIA
Studio KR e Associati s.r.l. (Capogruppo)

GEOLOGIA
Rocco Guarino