Gnosis Architettura

architettura
Alberghi e Tempo Libero

Tutte le ipotesi del progetto di Gnosis partono dalla storia dell’edificio e dal rapporto di quest’ultimo con la città e il territorio. L’hotel  Britannique è collocato al centro dello straordinario arco del golfo di Napoli e dalle sue camere e dalle sue terrazze è possibile godere di uno dei più bei panorami del mondo. La storia dell’hotel Britannique è legata, sin dalla fondazione, a quella dell’hotel Parker’s in quanto solo nel dopoguerra i due edifici sono stati divisi per realizzare due distinti alberghi. In origine quello che è oggi il Britannique, era a sua volta costituto da due parti distinte che solo alla fine degli anni ’50 sono state raccordate da un anonimo manufatto in cemento armato, oggi ancora leggibile. Il debole intervento, se pur risolutivo gli aspetti distributivi, non ha risposto in modo adeguato all’esigenza di immagine che il riassetto chiedeva. Per risolvere questo tema e proporre, al contempo, un elemento che consenta di dare una nuova e qualificata riconoscibilità all’Hotel Britannique il progetto introduce un segno semplice, chiaro e  capace di equilibrare tradizione e innovazione. Un “marker” che individui la centralità del prospetto e l’ingresso dell’edificio. Un elemento che consenta al fruitore di percepire al primo colpo d’occhio la particolarità del manufatto in cui alloggerà. Un macro-segno quindi, che ricorda una grande vetrata, propone una cascata di luce che si colora, mentre introduce il pubblico verso la grande hall. Il grande vetro che evidenzia la centralità dell’edifico è realizzato con vetri di diverse dimensioni colorati nei toni di Napoli che degradano verso l’alto. Le stesse grandi vetrate si ritrovano al piano del roof dove la cascata di luce che segna l’ingresso raggiunge quindi anche l’ultimo livello e allarga le sue ali sino ad abbracciare tutto l’albergo. Il muro che impediva al roof la vista del mare diventa parete in vetro. L’intero terrazzo può adesso godere dello straordinario panorama del golfo. L’articolazione degli spazi della copertura contempla al lato sinistro un terrazzo di oltre 270 mq dedicato agli eventi con una sala coperta di circa 150 mq. A destra è invece previsto un ristorante gourmet di 90 mq con annesso terrazzo all’aperto di 70 mq, ed al centro una piccola sala privè. Le attività sono disimpegnate dal corpo centrale, mentre sul retro trovano posto gli spazi di servizio. Sul tetto delle cucine, un ulteriore livello top roof ospita una vasca a sfioro e la zona solarium. Tornando alla hall, questa è connotata da un sottile luminoso rigo rosso fuoco a pavimento, filo che si snoda dall’ingresso fino a tuffarsi in un elemento scultoreo posto davanti le ascensori. Questo fil rouge porterà poi a scoprire il piano sottostante, dedicato al benessere. La hall, ex vuoto tra edifici, viene studiata come il cortile di un edificio classico napoletano: le lastre di basolato a pavimento diventano riquadri in graniglia, i ballatoi delle scale napoletane sopra le teste diventano i nastri che raccordano le due ascensori lasciando il vuoto centrale a quella grande vetrata dedicata al roof, le piante che crescono lungo i porticati diventano esili rami luminosi attorno ai pieni della hall. L’atmosfera è quella del cortile, con i passaggi frenetici e l’atmosfera tutta napoletana di voci, colori e musicalità partenopee. La hall diventa così il vero  fulcro distributivo dell’albergo: di fronte, gli ascensori che collegano gli ambienti ipogei ed i livelli superiori, a destra la grande reception, mentre a sinistra si sviluppano tutte le sale dedicate al leasure, al bar ed alla sala conferenze per circa 80 posti. Le camere, in numero variabile da 66 a 73 grazie all’uso di pareti scorrevoli a scomparsa molto performanti, sono state pensate come stanze di storiche dimore napoletane in modo da far immergere totalmente l’ospite nell’atmosfera cittadina. Il recupero di antichi cornici in legno, nuove boiserie alla napoletana, maioliche dai toni partenopei, uniti a materiali innovativi ed impianti di ultima generazione, connotano matericamente spazi ampi e confortevoli. Camere di charme con zona relax e doppio servizio, sono arredate con colori chiari che rimandano ai toni che si percepiscono attraverso le ampie vetrate. Alcuni spazi comuni come la conference room, il ristorante gourmet e le suite saranno dedicate ad alcuni miti e leggende partenopee in modo da, seppur con riferimenti poco evidenti, affascinare l’ospite con riferimenti storici folkloristici della Napoli antica. Il livello interrato è legato al benessere, ai vapori della SPA. Un percorso sinuoso, legato ai filoni lavici ed ai basalti del sottosuolo vulcanico partenopeo, si snoda attraverso un itinerario ricco di vasche a temperature differenti, idromassaggio, docce emozionali, bagno turco, sauna e sala relax.